SEI IN > VIVERE SIENA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Sarteano: la stagione teatrale diventa digitale con i podcast

4' di lettura
14

Con la stagione teatrale 2023/2024, che per questa edizione è titolata “Sogno o Son Desto?”, al Teatro degli Arrischianti di Sarteano la “Nuova Accademia degli Arrischianti”, fucina di progettualità ed idee innovative, oltre ad aver messo a punto il cartellone teatrale e ad aver dato vita al progetto “Democrazia dei sogni”, dallo scorso novembre 2023, ha ideato e messo a punto il cosiddetto “teatro digitale”, ovvero un programma di podcast dal titolo “Proscenio”, con l’intento di aprire il palco del Teatro degli Arrischianti anche al pubblico esterno.

“Proscenio” è un podcast ad episodi, della durata massima di quindici minuti, che, attraverso una serie di interviste agli attori, attrici e protagonisti dei vari spettacoli in cartellone, ma anche agli aspiranti attori e alle aspiranti attrici delle “residenze artistiche”, danno loro l’opportunità di descrivere il proprio spettacolo. Un modo per indagare anche il percorso, o le ambizioni artistiche, dei singoli protagonisti dei vari spettacoli, un modo anche per capire come uno spettacolo è stato elaborato e strutturato, in una sorta di “anteprima teatrale digitale accessibile a tutti”, anche a chi non andrà a vedere la performance o il singolo spettacolo in teatro.

Questa nuova iniziativa esprime la volontà di aggiungere alla “Storica Accademia” una modalità di dialogo con il pubblico decisamente contemporanea. Il “Podcast” (è una trasmissione “radio” diffusa via Internet, scaricabile e archiviabile in un lettore MP3 o sullo smartphone) così diventa “mezzo di dialogo” con il pubblico. Sono quattro giovani che si sono attivati in questo progetto all’interno dell’associazione “Nuova Accademia degli Arrischianti” di Sarteano: Francesco Pipparelli (producer) che insieme a George Caprariu, Martina Amadori e Vittoria Tramonti sono anche intervistatori e Cesare Aprile (sound engeneer). Sono loro che, per l’occasione, diventano “conduttori radiofonici”, intervistano, proprio all’interno del Teatro Arrischianti (sul proscenio del palcoscenico) i protagonisti: registi, attori, attrici, musicisti che, poi, saliranno sul palco sarteanese con la rappresentazione delle tematiche che trattano ciascuno con il proprio spettacolo.

“‘Proscenio’ invita il nostro pubblico a un'esperienza più consapevole, raccontando, tramite brevi interviste, ciò che si cela dietro agli artisti e ai creativi protagonisti della stagione” - afferma Martina Amadori, neo consigliera dell’Accademia. “L’obiettivo del Podcast è quello di raggiungere un pubblico ampio, e forse diverso, che può quindi arrivare preparato e incuriosito agli appuntamenti in stagione” – aggiunge Francesco Pipparelli.

Per ascoltare gli episodi di “Proscenio”, disponibili su qualsiasi piattaforma di podcasting e sui social dell’Accademia, questo è il link: linktr.ee/nuovaaccademiaarrischianti. Questi gli episodi realizzati fino ad ora: Non è normale, con Emanuela Castiglionesi (realizzato in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne); La rivoluzione di duemetri, con Laura Fatini (che affronta la problematica dell’esclusione); Il Silenzio grande, con Gabriele Valentini (andato in segna in occasione del “Capodanno a teatro”); Lazy Boy, con Dario Furini, Benedetta Berti, Alessio Sallustio e Filippo Stella (ospiti a Sarteano di una residenza artistica).

Non vi è dubbio: i giovani dell’associazione Nuova Accademia degli Arrischianti sono molto creativi. Lo hanno dimostrato recentemente un il progetto “Democrazia dei sogni”. Il progetto parte dal presupposto dell’ospitalità gratuita finalizzata alla realizzazione di un “sogno”, quello di diventare attore o attrice. In sostanza, “Democrazia dei sogni” sono “residenze artistiche” per giovani provenienti da tutta Italia a cui l’Accademia garantisce ospitalità a Sarteano, in provincia di Siena, e mette a disposizione il teatro comunale per dare loro la possibilità di organizzare laboratori, della durata di una settimana, che permettono di presentare al pubblico le proprie idee su temi molto specifici come la libertà e l’uguaglianza nell’accesso alle opportunità, la sostenibilità, il futuro e l’ambiente, la comparazione tra sogno e realtà, tutte tematiche e storie che hanno un unico comun denominatore: la democrazia. Il progetto “Democrazia dei sogni” è stato inserito nel Premio Carlo Magno per la Gioventù (Charlemagne Youth Prize) del Parlamento Europeo, un premio finalizzato a favore dell'unificazione europea. La Nuova Accademia degli Arrischianti di Sarteano è risultata tra i vincitori per l’Italia, nel 2022, di un progetto europeo “dei giovani per i giovani” (YEUF), che ha l’obiettivo di sensibilizzare proprio i giovani sull’Unione Europea e più nello specifico sulle prossime elezioni europee che si svolgeranno dal 6 al 9 giugno 2024.

Prosegue, intanto, la stagione teatrale del Teatro degli Arrischianti. Il prossimo appuntamento sarà con lo spettacolo-concerto dal titolo “Il futuro ha radici nella memoria” che andrà in scena domenica 28 gennaio 2024 alle 18.00, in occasione della “Giornata della Memoria”. Saranno protagonisti il violinista Renata Lacko ed il fisarmonicista Pasquale Rimolo; insieme suoneranno musiche dalle mille tradizioni a partire dalle diaspore (migrazioni) ebraiche e rom.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2024 alle 20:05 sul giornale del 26 gennaio 2024 - 14 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode