Gaiole in Chianti, sequestrate quasi 300 piante di papavero da oppio

2' di lettura 03/06/2023 - La guardia di finanza di Siena ha individuato a Gaiole in Chianti un terreno sul quale erano state poste a dimora alcune aiuole, particolarmente curate, in cui erano coltivate piante del papavero da oppio.

Proseguono i controlli antidroga delle Fiamme Gialle in tutta la provincia disposti dal Comando Provinciale Siena, svolti con il prezioso ausilio delle unità cinofile del Corpo. L’attenzione dei militari, proprio durante un servizio nell’ambito di tale dispositivo di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, nel territorio del Comune di Gaiole in Chianti, è stata catturata dal particolare colore e dalla forma della pianta e del bulbo del papavero da oppio, che si distingue dal papavero comune per il colore violaceo e per il verde intenso dello stelo, si tratta infatti di fiori dall’aspetto che non passa inosservato.

I finanzieri del Gruppo di Siena hanno individuato un terreno sul quale erano state poste a dimora alcune aiuole, particolarmente curate, in cui erano coltivate le piante del papavero da oppio. Le tempestive attività di appostamento sul luogo, hanno consentito di identificare il soggetto che ne curava la manutenzione e la coltivazione, un cittadino indiano di 56 anni, e di perquisirne l’abitazione.

All’esito delle ricerche, sono state rinvenute piante da papavero da oppio coltivate, delle quali 202 nel terreno e 77 presso l’abitazione, ubicate sul balcone in fioriere protette da pannelli in plastica (per impedirne la vista dall’esterno) ed ossigenate con 2 apparati di ventilazione. Le spiegazioni offerte ai militari dal soggetto e dai suoi familiari sono apparse subito contraddittorie ed inverosimili, infatti hanno cercato di giustificare la coltivazione con non meglio precisate esigenze di carattere terapeutico, ancorché non autorizzate, o quale ingrediente di dolci tipici fatti in casa. L'uomo è stato pertanto denunciato all'Autorità giudiziaria.






Questo è un articolo pubblicato il 03-06-2023 alle 12:43 sul giornale del 05 giugno 2023 - 34 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/ebqa





logoEV
qrcode