Scoperta falsa produzione artigianale di borse e accessori in pelle d'alta moda

2' di lettura 23/06/2022 - Porta i suoi frutti la costante azione di monitoraggio dei distretti industriali presenti sul territorio senese condotta dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Siena.

Le Fiamme Gialle della Tenenza di Chiusi Scalo nell’ambito di una autonoma attività intrapresa ai fini fiscali, si sono imbattute nell’illecita produzione di prodotti recanti marchi contraffatti, segni falsi e mendaci da parte di un piccolo imprenditore attivo alle pendici del monte Amiata nel settore della fabbricazione di borse in pelle.

L’uomo non nuovo agli operatori è risultato utilizzare, per lo stoccaggio del materiale contraffatto, anche siti ulteriori rispetto a quelli dichiarati ai fini fiscali.

All’atto dell’accesso è stata accertata la presenza di vari prodotti destinati all’assemblaggio di borse, cinture e prodotti vari di pelletteria di noti brand dell’alta moda, nonché borse già “finite”, per le quali non veniva fornita alcuna documentazione fiscale e contrattuale che ne giustificasse il possesso.

Oltre 500 pezzi (prodotti finiti e/o componenti destinati all’assemblaggio, tutta merce contraffatta) sono stati sequestrati a disposizione dei periti per gli approfondimenti merceologici. L’uomo è stato deferito alla locale Procura della Repubblica.

Dalle successive e minuziose perizie sul materiale in sequestro disposte dalla magistratura senese, effettuate dalle agenzie investigative licenziate dalle aziende di moda interessate, è stata ottenuta conferma della natura contraffatta dei materiali sequestrati; le attività sono risultate particolarmente complesse in considerazione dell’ottima fattura dei capi non licenziati, la cui natura illecita può essere verificata solo da un occhio esperto e non dal consumatore medio, circostanza che rende la condotta penalmente rilevante particolarmente insidiosa rispetto alla “fede pubblica”, interesse protetto dalle norme penali in materia di contraffazione dei marchi. Per il deferito pur nel rispetto della presunzione di non colpevolezza, quale inderogabile principio e valore costituzionale, si apre lo scenario del palazzo di giustizia ove avrà modo di giustificare i termini della condotta posta in essere.

La Guardia di Finanza svolge un ruolo di primo piano nel contrasto alla contraffazione ed all’immissione in commercio di marchi e brevetti, fenomeno che spesso rappresenta un vero e proprio canale di finanziamento della criminalità organizzata. Tali fenomenologie illecite provocano danni, oltre che ai titolari dei diritti, vere icone del “made in Italy nel mondo”, anche al funzionamento delle ordinarie dinamiche del mercato dei beni e servizi; nel breve periodo, infatti, si riducono le vendite degli operatori economici onesti, diminuiscono i guadagni e si contraggono i livelli di occupazione, mentre, nel lungo termine, il rischio per le imprese è la perdita di appetibilità dei prodotti commercializzati, causata dalla concorrenza sleale.






Questo è un articolo pubblicato il 23-06-2022 alle 15:56 sul giornale del 24 giugno 2022 - 113 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arezzo, toscana, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dcDR





logoEV